Per conoscerci a fondo

…per conoscerci a fondo

Un pizzico di storia?

Il “Centro di Assistenza alla Famiglia” è un Consultorio Familiare attivato nel 1981 dalle parrocchie del decanato di Bollate (Arese, Bollate, Baranzate, Cassina Nuova, Cascina del Sole, Castellazzo, Ospiate, Novate M.se, Cesate, Garbagnate M.se, Senago e Castelletto) e gestito fino a settembre 2013 da un’Associazione senza finalità di lucro costituita dalle stesse parrocchie. Dall’1 ottobre 2013 il Consultorio Familiare “Centro di Assistenza alla Famiglia” è gestito dalla Fondazione “FARE FAMIGLIA – Onlus”. Il nostro Consultorio Familiare è accreditato dalla regione Lombardia con Decreto della D.G. Fam. Solidarietà e Volontariato n. 8725 dell’ 1/10/13 ed è convenzionato con l’ATS Città Metropolitana di Milano.

Alle prestazioni del Consultorio Familiare possono accedere tutte le persone indipendentemente dal luogo di residenza, dalla cittadinanza e dalle convinzioni religiose o politiche personali. L’intervento del Consultorio Familiare “Centro di Assistenza alla Famiglia” si sviluppa in attività ambulatoriali e in azioni di prevenzione, di formazione, di educazione alla salute. Vengono assicurate le prestazioni previste dalle leggi nazionali e regionali relative all’attività dei Consultori, ad eccezione di quelle connesse all’interruzione della gravidanza.

Quali Specialisti sono impegnati nel Consultorio Centro di Assistenza alla Famiglia di Bollate?

Coordinatore del Consultorio Familiare è la dott.ssa Elisa Serighelli, mentre la Responsabile dell’Area Sanitaria è la dott.ssa Mariele Sartori.

Nelle attività ambulatoriali e in quelle formative del nostro Consultorio Familiare sono impegnati diversi Specialisti delle tipologie di qualifiche di seguito riportate:

  • Assistente sociale
  • Infermiere professionale
  • Medico ginecologo
  • Ostetrica
  • Psicologo
  • Psicologo-psicoterapeuta
  • Consulente legale
  • Insegnanti di metodi naturali

Un elenco aggiornato dei nominativi degli Specialisti è scaricabile dall’area Download.

Torna all’inizio

In quali orari e come si prenotano gli appuntamenti?

Gli Specialisti ricevono per appuntamento presso la sede del Consultorio Familiare. In situazioni particolari, laddove la normativa lo permette, alcune consulenze possono essere svolte fuori sede. Gli appuntamenti vengono fissati tramite la Segreteria del Consultorio Familiare, aperta negli orari visibili nell’allegato scaricabile dall’area Contatti. Gli appuntamenti vengono concessi secondo il calendario delle presenze degli Specialisti.

Torna all’inizio

Come si disdicono gli appuntamenti?

Il Consultorio Familiare “Centro di Assistenza alla Famiglia” si impegna ad evitare per quanto possibile la variazione degli orari degli appuntamenti concessi e comunque ad avvisare qualora si sia costretti a tali spostamenti; a tutti gli utenti si chiede la medesima correttezza, raccomandando di avvisare, con almeno 24 ore di anticipo (il venerdì per il lunedì), per eventuali disdette degli appuntamenti stabiliti, al fine di evitare di creare dei vuoti nelle liste di appuntamenti che determinano un malfunzionamento del servizio e causano spiacevoli allungamenti di attesa a coloro che devono ricevere una prestazione. E’ possibile comunicare la disdetta di un appuntamento chiamando le Segreteria allo 02.35.90.525 negli orari di apertura.

Torna all’inizio

Che tipologie di consulenze vengono erogate nel Consultorio?

Le prestazioni ambulatoriali erogate dal Consultorio sono organizzate per Aree di Consulenza: fra queste alcune sono definite Aree di Consulenza di I livello a cui si può accedere direttamente previo appuntamento con la Segreteria. Altre sono definite Aree di Consulenza di II livello: a queste vi si può accedere di norma solo a seguito di una o più specifiche prestazioni di Accoglienza, erogate da uno Specialista addetto a tale funzione, che aiuteranno l’utente a chiarire la sua domanda e gli illustreranno le modalità di lavoro del Consultorio.

Per ciascuna Area di Livelli di Consulenza sono erogate, a titolo indicativo, le seguenti tipologie di consulenza:

Area di consulenza di I livello

  • CONSULENZE E VISITE GINECOLOGICHE
  • ACCOGLIENZA-ORIENTAMENTO (per accedere alle altre prestazioni consultoriali)

Area di consulenza di II livello

  • COLLOQUI PSICOLOGICI E PSICOTERAPIE
  • MEDIAZIONE FAMILIARE
  • VISITE OSTERICHE (successive all’Accoglienza)
  • CONSULENZA LEGALE

Alcune delle prestazioni offerte presso il Consultorio Familiare possono essere erogate in regime di esenzione totale per l’utente, altre pur se comunque erogate in regime di Servizio Sanitario Nazionale, prevedono una partecipazione alla spesa definita dalla normativa vigente. Le prestazioni non previste dalla normativa regionale vengono erogate al di fuori del Servizio Sanitario Nazionale.

Torna all’inizi

Occorre la prescrizione del medico di medicina generale?

Alle prestazioni erogate dal Consultorio Familiare in regime di Servizio Sanitario Nazionale è possibile accedere anche senza l’obbligo della prescrizione del proprio medico curante, ma in base alla normativa regionale per alcune di queste è comunque obbligatorio che uno Specialista del Consultorio prescriva le prestazioni per l’utente. Per usufruire di Visite Ostetriche-Ginecologiche, di Pap-test e di eventuali Ecografie Ostetriche e/o Ginecologiche la stessa Ginecologa del nostro Consultorio deve effettuare la prescrizione in tale forma in sede stessa di visita, ma non è necessario richiedere tale prescrizione al proprio Medico di Famiglia (MMG). Qualora la prescrizione si riferisca a prestazioni che vengono erogate all’interno del Consultorio stesso, la stessa prescrizione è trattenuta presso il Consultorio.

Torna all’inizio

Quali prestazioni possono essere erogate nel nostro Consultorio?

Nell’elenco che segue si riportano le prestazioni erogate in regime di esenzione:

PSEISS: Prestazioni specialistiche a Elevata Integrazione Socio-Sanitaria

  • COLLOQUIO DI ACCOGLIENZA-ORIENTAMENTO
  • VISITA COLLOQUIO
  • COLLOQUI DI CONSULTAZIONE, DI VALUTAZIONE PSICO-DIAGNOSTICA E DI SOSTEGNO
  • MEDIAZIONE FAMILIARE
  • CONSULENZA FAMILIARE
  • STESURA DI RELAZIONI COMPLESSE
  • INCONTRI DI GRUPPO CON UTENTI (portatori di una necessità omogenea: esempio neomamme con neonati, gruppi di promozione e sostegno allattamento al seno, etc.)
  • VISITA AL DOMICILIO (per la valutazione della situazione ambientale e familiare in relazione a particolari decisioni)
  • OSSERVAZIONE/SOMMINISTRAZIONE DI TEST
  • INTERVENTI DI PSICOTERAPIA INDIVIDUALE, DI COPPIA, FAMILIARE, DI GRUPPO

Nell’elenco che segue si riportano le prestazioni erogate con compartecipazione alla spesa da parte dell’assistito:

PSASA: Prestazioni Sanitarie di Assistenza Specialistica Ambulatoriale

  • PRIME VISITE GINECOLOGICHE O OSTETRICHE
  • VISITE GINECOLOGICHE O OSTETRICHE DI CONTROLLO
  • ECOGRAFIE GINECOLOGICHE e/o OSTETRICHE
  • PRELIEVI CITOLOGICI, ESAMI CITOLOGICI, CERVICO-VAGINALE (PAP TEST)
  • RIMOZIONE DI DISPOSITIVO CONTRACCETTIVO INTRAUTERINO
  • TRAINING PRENATALE

Il prospetto suindicato non è da considerare esaustivo delle prestazioni fornite. Ai singoli Specialisti possono essere presentate ulteriori domande che troveranno risposta o sostegno compatibilmente con le competenze proprie del servizio.

Le ecografie ostetriche e/o ginecologiche vengono effettuate esclusivamente a pazienti già assistite dal Consultorio e laddove lo Specialista del Consultorio ne ravveda la necessità.

Come già indicato non vengono erogate prestazioni inerenti l’interruzione della gravidanza e prestazioni di inserzione di dispositivi contraccettivi intrauterini.

Torna all’inizio

Si deve pagare per le prestazioni?

Dal momento che il Consultorio Familiare “Centro di Assistenza alla Famiglia” è accreditato e ha contratto con l’ATS, tutti coloro che usufruiscono delle prestazioni erogate dal Servizio sono tenuti a partecipare alla spesa come previsto dalla normativa regionale e nazionale relativa al Servizio Sanitario Nazionale. Ad ogni utente viene pertanto richiesto il pagamento del ticket e della quota aggiuntiva (in base alle indicazioni nazionali e regionali del 2011) nella misura prevista dalla normativa, salvo casi di esenzione determinati. Al pagamento del ticket viene rilasciata la relativa fattura fiscalmente detraibile.

Per le prestazioni non contemplate fra quelle normate dalla Regione per l’attività dei consultori familiari accreditati e convenzionati la Fondazione può richiedere il pagamento diretto della prestazione.

Poiché per la gestione del Consultorio la Fondazione “FARE FAMIGLIA – Onlus” sostiene costi superiori alle risorse che si rendono disponibili tramite il pagamento del ticket e erogate dalla Regione ad integrazione di questi, chi volesse può contribuire a mantenere in pareggio il bilancio costi e ricavi della Fondazione con una libera donazione che può lasciare alla Segreteria che rilascia opportuna ricevuta.

Laddove si evidenzieranno situazioni di particolare bisogno e condizioni di grave necessità, il Consultorio Familiare potrà eventualmente fornire delle prestazioni senza pagamento di corrispettivo. In tali casi eccezionali l’onere di tali prestazioni rimarrà a carico dell’ente gestore.

Torna all’inizio

Più precisamente… quanto si paga?

Di seguito si riporta l’importo che gli assistiti devono pagare per le prescrizioni che più frequentemente vengono effettuate presso il nostro Consultorio Familiare:

PRESCRIZIONE DI… importo da pagare (salvo esenzioni)
PRIMA VISITA GINECOLOGICA (I nell’anno o “prima” in relazione alla specifica problematica per cui viene richiesta) 28,50
CONTROLLI O VISITE GINECOLOGICHE SUCCESSIVE (alla I) 22,40
PRIMA VISITA GINECOLOGICA NELL’ANNO + ECO GINECOL. 51,30
CONTROLLI/ VISITE SUCCESSIVE ALLA PRIMA + ECO GINECOL. 49,80
PRELIEVO CITOLOGICO + ESAME 19,55
PRELIEVO CAMPIONE GENITO-URINARIO + ESAME 10,70
TRAINING PRENATALE 66,00

Torna all’inizio

Qualche info in più sui percorsi psicologici…

Tutti i nuovi utenti del Consultorio e coloro che contattano il Consultorio per un aiuto psicologico o sociale ricevono dapprima uno/due colloqui di Accoglienza-Orientamento, finalizzati a raccogliere le informazioni relative ai bisogni della persona, della coppia o della famiglia e ad una prima analisi della domanda tesa ad individuare la figura professionale e la tipologia di prestazione più idonee a rispondere alle esigenze specifiche della situazione. La domanda dell’utente e alcune informazioni di base raccolte vengono successivamente discusse all’interno dell’Equipe consultoriale. L’Equipe valuta il tipo di intervento, specifico o multidisciplinare, da proporre all’utente e designa lo/gli Specialisti che prenderanno in carico la situazione. Riunioni d’Equipe valutano sia in itinere che alla fine il percorso svolto con l’utente.

Il Consultorio Familiare ha uno specifico mandato definito dalla normativa nazionale e regionale che lo differenzia da altri servizi specialistici di area psicologica o psicoterapeutica. Il Consultorio Familiare “Centro di Assistenza alla Famiglia” è caratterizzato da un’ottica familiare, relativa all’intervento sulla crisi. Il Consultorio Familiare offre quindi in primo luogo interventi psicologici e psicoterapeutici di tipo focale, centrati appunto sulla crisi. In base alla valutazione degli specialisti all’interno dell’Equipe psico-sociale il percorso di presa in carico dell’utente proseguirà con prestazioni differenziate e selezionate, secondo la necessità, tra i possibili interventi previsti dalla normativa vigente (tra gli altri, Colloqui di Consultazione, Colloqui di valutazione psico-diagnostica, Colloqui di sostegno, Consulenza familiare, Mediazione familiare, Psicoterapie individuali o familiari).

La normativa prevede inoltre per ogni tipologia di prestazione un numero massimo di interventi erogabili, al termine dei quali il Consultorio dovrà chiudere la consulenza e i pazienti dovranno rivolgersi a un servizio privato, per il quale potranno chiedere consiglio al proprio Specialista.

Gli assistiti che lo desiderano potranno proseguire all’interno di questa struttura con un regime di Solvenza, in altri orari determinati.

Torna all’inizio

Come e quando si ritirano i referti?

La prestazione di lettura del pap-test e di altri esami di laboratorio viene eseguita da un Laboratorio di Analisi esterno al Consultorio e pertanto dal momento del prelievo occorrono circa 15 giorni per poter avere il referto. Il ritiro del referto può essere effettuato di persona oppure da un terzo usando l’apposita delega, scaricabile nell’area Download comunque con esibizione di un documento di riconoscimento, direttamente presso la Segreteria negli orari di apertura della stessa (nelle settimane con festività o limitrofe sono possibili variazioni degli orari. In questi casi si consiglia di telefonare anticipatamente). Il cittadino può richiedere il rilascio della propria documentazione personale con modalità e tempi definiti.

Il paziente dell’area ginecologica può avere una copia della propria cartella a seguito di richiesta scritta da parte dello stesso; il Consultorio garantisce la consegna entro un massimo di due settimane; per questo servizio viene chiesto un rimborso spese amministrative di 5 Euro per le prime 4 pagine (+1 € per ogni pagina aggiuntiva).

Il paziente dell’area psicosociale che intende richiedere la documentazione relativa al proprio percorso consultoriale deve inoltrare una richiesta scritta con motivazione; il Consultorio rilascia una relazione breve, stesa e controfirmata da uno degli Specialisti che l’ha seguito; per questo servizio viene chiesto un rimborso spese di 50,00 Euro.

Torna all’inizio

Gli Incontri di Gruppo: cosa sono?

Il Consultorio Familiare “Centro di Assistenza alla Famiglia” realizza interventi di formazione e prevenzione e altri incontri di gruppo condotti presso la propria sede; a tali percorsi formativi possono accedere sia singole persone o coppie che già usufruiscono di prestazioni ambulatoriali del Centro sia cittadini che vogliono usufruire solo di determinate occasioni formative. Per conoscere il calendario delle date e gli orari degli interventi programmati e per iscriversi agli stessi o semplicemente per esprimere il proprio interessamento a queste iniziative è necessario rivolgersi alla Segreteria.

Periodicamente nel corso dell’anno vengono organizzati, al raggiungimento di un numero minino di partecipanti, cicli del Corso di Psicoprofilassi al Parto (Training Prenatalecondotto dall’Ostetrica. Strettamente collegati a tale prestazione sono gli Incontri di Gruppo sulla Gravidanza, progettati appositamente per donne e coppie in attesa di un figlio, condotti da diversi Specialisti.

Quando il numero di richieste è sufficiente vengono organizzati degli INCONTRI DI GRUPPO su tematiche diverse e comuni fra tutti i partecipanti. Di seguito i temi degli Incontri di gruppo periodicamente organizzati:

  • RAPPORTO GENITORI-FIGLI
  • CONVIVENZA CON SOGGETTI ANZIANI E/O DISABILI
  • MENOPAUSA
  • Parlare di GRAVIDANZA “SERENA” e DIAGNOSI PRENATALE
  • LA NASCITA E LA CRESCITA DI UN FIGLIO (0-3 anni)
  • SESSUALITÀ e AFFETTIVITÀ,
  • CONTRACCEZIONE e PROCREAZIONE RESPONSABILE

Torna all’inizio

Le iniziative di Prevenzione Educazione alla Salute: cosa sono?

Fra le attività definite di PREVENZIONE ED EDUCAZIONE ALLA SALUTE offerte dal Consultorio Familiare “Centro di Assistenza alla Famiglia”, alcune sono formalmente approvate dall’ATS e pertanto la partecipazione alle stesse è gratuita, entro i limiti di risorse disponibili stanziate dal SSN. Per l’anno 2017 il Consultorio ha programmato le seguenti iniziative che sono state sottoposte all’approvazione dell’ATS:

Area tematica SESSUALITA’-AFFETTIVITA’

  • GIOCHIAMO CON LE EMOZIONI: PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL’AFFETTIVITA’ per bambini/e di 9-10 ANNI (IV classi Scuola Primaria)
  • CRESCERE TRA AMICI: PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL’AFFETTIVITA’-SESSUALITA’ per bambini/e di 10-11 ANNI (V classi Scuola Primaria)
  • MI RISPETTO, TI RISPETTO! Incontro e scambio tra pre-adolescenti in crescita
  • PENSAVO E INVECE…: Il corpo che cambia e l’incontro con l’altro: emozioni, pensieri e sentimenti
  • DIVENTARE UOMO, DIVENTARE DONNA!: con il corpo, il cuore, l’anima e il cervello
  • NON MI FACCIO PESCARE DALLA RETE: incontri formativi per pre-adolescenti sui rischi di Internet e dei social network

Area tematica PREPARAZIONE ALLE DIVERSE FASI DELLA VITA

  • PERCORSO PER COPPIE DI FIDANZATI PER PREPARARSI  ALLA SCELTA MATRIMONIALE E ALLA VITA FAMILIARE

Su richiesta di scuole, parrocchie, enti pubblici o privati la Fondazione “FARE FAMIGLIA – Onlus” può realizzare presso le loro specifiche sedi altri corsi di formazione o interventi brevi su tematiche sociali, psicologiche, giuridiche o educative diversificate, anche in risposta a particolari domande delle singole realtà, progettate congiuntamente con l’ente richiedente.

Tutti gli interventi di Prevenzione ed Educazione alla Salute e gli altri corsi vengono condotti dai diversi Specialisti del Consultorio Familiare o da altri consulenti secondo le specifiche tematiche e competenze.

Torna all’inizio

Come è possibile esprimere la propria valutazione sul servizio o inoltrare reclami o encomi?

Nel Consultorio, con modalità diverse, si pone comunque una continua attenzione a cercare di migliorare il servizio reso. Al fine di rilevare il grado di soddisfazione degli utenti per le prestazioni e gli interventi erogati, sono stati predisposti dei Questionari di gradimento. La rilevazione del livello di soddisfazione degli utenti che usufruiscono delle prestazioni ambulatoriali (a carattere sanitario e/o psico-sociale) avviene  mediante  somministrazione dell’apposito questionario ad un campione di utenti, in determinati periodi dell’anno (due mesi l’anno). In qualsiasi occasione, indipendentemente dai periodi prestabiliti per l’indagine a campione, qualsiasi utente può ritirare, compilare e riconsegnare, in forma anonima, il proprio Questionario di Soddisfazione delle Prestazioni Ambulatoriali. Nell’Area Download è possibile visionare il modulo ed eventualmente scaricarlo per compilarlo e restituirlo al Consultorio, personalmente in Segreteria, oppure via e-mail all’indirizzo consultoriobollate@farefamiglia.org

Nel caso in cui gli utenti desiderassero sporgere reclami per problematiche, inadempienze, non conformità riscontrate, possono richiedere agli operatori di Segreteria l’apposita modulistica predisposta. Le segnalazioni effettuate verranno successivamente inoltrate al Coordinatore del Consultorio il quale entro due settimane provvederà a darne riscontro agli interessati. Nell’Area Download è possibile visionare il modulo apposito ed eventualmente scaricarlo per compilarlo e inviarlo al Consultorio con le stesse modalità sopra indicate.

Nella medesima modulistica è al contrario possibile rilasciare encomi agli operatori o al servizio (Modulo Lamentele e Encomi).

Torna all’inizio

Sono previste delle categorie di esenzioni?

La normativa vigente prevede alcune categorie di esenzioni, che di seguito vengono sommariamente presentate. La sintesi seguente non si può considerare completa ed esaustiva di tutte le tipologie di esenzione, ma significativa per l’attività specifica dei nostri Consultori. Per usufruire di determinate esenzioni occorre presentare la documentazione prescritta dalla legge, rilasciata dagli Uffici competenti del SSN.

  • Esenzione in relazione al reddito;
  • Esenzioni per status;
  • Esenzione in relazione alla patologia;
  • Prestazioni erogate in regime di esenzione dai consultori accreditati ed esenzioni per interesse sociale; fra quelle più specifiche per i nostri servizi:
    • Prestazioni specifiche (PSSEIS: Prestazioni Soci Sanitarie ad Elevata Integrazione Sanitaria) dei consultori familiari accreditati
    • Prestazioni finalizzate alla tutela della maternità, definite con decreto ministeriale 10.9.98; fra queste:
    • prestazioni specialistiche e diagnostiche per la tutela della maternità responsabile in funzione preconcezionale
    • prestazioni specialistiche e diagnostiche per il controllo della gravidanza fisiologica
    • in caso di minaccia d’aborto: tutte le prestazioni specialistiche necessarie per il monitoraggio dell’evoluzione della gravidanza
    • prestazioni specialistiche e diagnostiche necessarie per la diagnosi prenatale in specifiche condizioni di rischio fetale
    • Prestazioni diagnostiche finalizzate alla diagnosi precoce dei tumori (ex art.85 L.388/2000)
    • pap test ogni 3 anni (a favore di donne di età compresa fra 25 e 65 anni);

Torna all’inizio